CORSI DI ITALIANO IN SARDEGNA

>
Lo Staff

Lo Staff

Pelosa: Una delle incredibili spiagge della Sardegna

Pelosa: Una delle incredibili spiagge della Sardegna

Il Porto di Alghero, Sardegna

Il Porto di Alghero, Sardegna

Vista su Capo Caccia, Alghero

Vista su Capo Caccia, Alghero

Vacanze made in Italy

Vacanze made in Italy

Vista di Alghero, Sardegna

Vista di Alghero, Sardegna

Lezione in classe

Lezione in classe

CORSI DI ITALIANO IN ALGHERO SARDEGNA LA TUA SCUOLA D’ITALIANO AD ALGHERO SARDEGNA! Classi poco numerose, metodi di insegnamento semplici ed efficaci, staff entusiasta e qualificato, grande atmosfera e molto divertimento!

IMPARA L'ITALIANO IN SARDEGNA Vivi una nuova esperienza: un corso d'italiano nel miglior mare del mondo, studia italiano ad Alghero e goditi le sue meravigliose spiaggie e il suo centro storico intatto.

I NOSTRI CORSI Puoi scegliere tra:
- Corso Generale
- Corso Combinato 1
- Corso Combinato 2
- Italiano + Storia dell’arte
- Italiano + Sport Acquatici
- Italiano + Tennis
- Italiano + Cucina
- Italiano + Degustazione vini.


Castelsardo

castelsardo ok

Castelsardo è una suggestiva cittadina a Nord-Est di Sassari. Si affaccia sul centro del Golfo dell’Asinara e il panorama che la città offre comprende tutte le coste del golfo, comprese quelle della Corsica. È sicuramente per questa particolare posizione che i Romani la scelsero come sede di uno dei propri centri abitati.

La città, antico borgo, è uno dei centri storici più belli della Sardegna, e non solo: la città fa infatti parte di varie reti internazionali, fra le quali “I borghi più belli d’Italia”, “Les Plus Beaux Villages de la Terre”, “Le sette città regie”, e, soprattutto, la “Conferenza permanente delle Città storiche del Mediterraneo”, che organizza vari eventi umanitari, artistici e culturali.

Nel centro storico possiamo ammirare il Castello medievale dei Doria, risalente all’anno 1102: al suo interno, è ospitato il Museo dell’Intreccio Mediterraneo. Il museo è dedicato a prodotti artigianali ottenuti intrecciando fibre vegetali, provenienti dall’intera area del Mediterraneo; in particolare, vi sono esposti i cestini di Castelsardo, per i quali la città è famosa nel mondo. Le corbule e i canestri sono i suoi cestini tipici, di varie dimensioni; anticamente venivano utilizzati per la panificazione, mentre oggi vengono usati come portaombrelli, portariviste, o con funzione ornamentale della casa. Un pezzo importantissimo della collezione del museo è “su fassoi”, imbarcazione realizzata col metodo dell’intreccio, e che veniva usata dai pescatori degli stagni di Cabras e Santa Giusta, nell’Oristanese. Sicuramente vale la pena visitare il museo,non solo per i suoi prodotti artigianali, ma anche per la meravigliosa veduta panoramica della quale si gode dal castello. Il museo risulta il sito culturale più visitato della Sardegna, con oltre 100.000 visitatori paganti all’anno.

L’intero borgo è costruito sulla roccia ed è circondato da possenti mura; i suoi edifici sono antichi di secoli e troviamo infatti, all’interno del centro storico, oltre alla fortezza dei Doria, vari monumenti storici che sono imperdibili: il Palazzo di Eleonora d’Arborea, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, famosa per il suo Cristo Nero (Lu Criltu Nieddu), ligneo, uno dei più antichi dell’isola, la Cattedrale di Sant’Antonio Abate (XVI secolo); inoltre sono stati recentemente recuperati il Ponte Levatoio e la Porta Pisana, che costituiscono uno dei due accessi alla città.

Nei dintorni di Castelsardo si possono ammirare le famose domus de janas (tombe preistoriche adibite per lungo tempo a prigione, e recentemente ad abitazione), il nuraghe Paddaju, e soprattutto la famosa Roccia dell’Elefante, che prende il nome dalla particolare forma che ha assunto nel tempo (situata al km 4,3 della SS 134 che porta a Sedini).

L’evento più sentito dagli abitanti della cittadina è l’insieme dei riti della Settimana Santa, in particolare i riti del Lunedì Santo: il Lunissanti castellanese è una manifestazione popolare unica nel suo genere e che risale addirittura al Medioevo, e consiste in un pellegrinaggio alla vicina basilica di Tergu. Questa tradizione secolare è portata avanti dai membri della Confraternita di Santa Croce. Per Castelsardo e i suoi abitanti questa festa rappresenta una vera identità culturale ed è il simbolo dell’attaccamento alla propria terra d’origine. Il comune per questa occasione organizza l’evento “Pasquetta in musica”, che ospita soprattutto artisti jazz e pop ( nelle scorse edizioni, Tiromancino, Noemi, Max Gazzè…).

Altri eventi che si tengono in città sono la festa del patrono, il 17 gennaio, la processione in mare con la Madonna dei Pescatori il giorno di Ferragosto; altri importanti eventi sono organizzati soprattutto d’estate quando la città si popola di turisti: uno dei più belli è durante la notte di Ferragosto quando oltre ai concerti, si svolge un suggestivo spettacolo pirotecnico che dalle terrazze del Castello riempie di luci e di colori il promontorio e di riflessi il mare del Golfo dell’Asinara.

Distanza da Alghero a Castelsardo: 67.3 km.

Tempo di percorrenza: 1 ora e 7 min circa.

Come arrivare: Alghero – Procedi in direzione sudovest da Via Nuoro verso Via Angelo Roth. Prendi la 2a a destra e imbocca Piazza della Mercede. Prendi la 1a a destra e imbocca Viale Giovanni XXIII. Continua su Via Cagliari. Svolta a destra e imbocca Via Vittorio Emanuele II. Continua su Strada Statale 127bis Settentrionale Sarda/SS127bis. Alla rotonda prendi la 3ª uscita e imbocca Strada Statale 291var della Nurra/SS291var. Continua su Strada Statale 291var della Nurra/SS291var. Continua su SS291. Prendi l’uscita verso Porto Torres. Entra in Circonvallazione Variante del Mascari. Svolta leggermente a destra verso Viale Sant’Orsola. Svolta a destra e imbocca Viale Sant’Orsola. Svolta a sinistra e imbocca Str. Vicinale Sant’Orsola. Prendi la 1a a destra per rimanere su Str. Vicinale Sant’Orsola. Svolta a destra e imbocca Via Zuari. Prendi la 1a a sinistra verso Strada Provinciale 60/SP60. Svolta a sinistra e imbocca Strada Provinciale 60/SP60. Alla rotonda, prendi la 1ª uscita e rimani su Strada Provinciale 60/SP60. Alla rotonda prendi la 1ª uscita e imbocca SP25. Svolta a sinistra e imbocca SP48. Svolta a sinistra e imbocca Strada Statale 200 dell’Anglona/SS200.-Castelsardo.